caricamento

Cravero Marco

Cravero  Marco
Classe 1969, si avvicina allo studio della chitarra all’età di otto anni. Intorno ai vent’anni decide di intraprendere la professione di musicista; entra nel circuito delle "cover band" e inizia una lunga serie di concerti in club italiani ed europei che durerà alcuni anni; parallelamente continua gli studi con il chitarrista milanese Luciano Zadro. Negli anni successivi affronta esperienze come turnista accompagnando in tour artisti quali Ivana Spagna, Giorgio Faletti e Maurizio Vandelli e collaborando in studio con alcuni produttori, tra i quali Emanuele Ruffinengo (Chick Corea, Vanoni, Pooh, Lavezzi….). Nel ’96 inizia la collaborazione con Francesco De Gregori, con il quale partecipa a due lunghi tour: “Prendere e lasciare” e “La valigia dell’attore” e incide il doppio album live “La valigia dell’attore”, contenente oltre ai brani dal vivo tre canzoni inedite registrate in studio. Nel dicembre del ’97 ha accompagnato Lucio Dalla durante la diretta televisiva Rai “La notte degli angeli”. Collabora con Lilli Greco, storico produttore romano (P.Conte, F.De Gregori, P.Pravo, Avion Travel...). Si esibisce al fianco di vari artisti quali Vittorio De Scalzi (New Trolls), Marcello Murru, Vera Takes The Cake, band di Austin, Texas (tour europeo 2001) e con diverse formazioni rock, pop, funk e blues (Roberto Tiranti band, Groovin' ass funk quartet, ecc...). Compone brani strumentali, alcuni dei quali utilizzati come commenti sonori e sigle da varie emittenti televisive (Rai Sat, Salute & Benessere Channel…). Si occupa di arrangiamento e composizione nell’ambito della canzone d’autore: con il cantautore Marco Stella, in qualità di coautore e produttore artistico, ha realizzato l'album “Mio nonno era Pertini” (2007 – EGEA distribution), che ha riscosso pareri favorevoli dai critici (Rai1 V. Mollica su DO-RE-CIACK-GULP, L'Unità, Vivaverdi. Rockerilla, ecc.); con Augusto Forin e con Marco Cambri, cantautore dialettale genovese.
Nel 2009 crea la Full Motion blues band, progetto originale che fonde il blues con varie forme musicali, quali il jazz, il funk, il rock, ecc...
Con una più che quindicinale e intensa attività nel campo della didattica, ha messo a punto un metodo d’insegnamento volto alla versatilità e alla valorizzazione dell’istinto musicale dell’allievo