caricamento

Sala Conte - Il pianoforte, tra tecnica e fantasia

la Sala Conte
Sabato 7 ottobre alle ore 21, saranno due giovani pianisti i protagonisti del secondo appuntamento concertistico, incentrato sul pianoforte classico e con ingresso libero e gratuito, della stagione 2017-2018 degli Incontri alla Sala Conte, l’auditorium della Scuola Musicale Giuseppe Conte in Via Cialli 6D a Genova Pegli.

Il titolo del concerto, "Il pianoforte, tra tecnica e fantasia", racchiude le due anime del concerto: la prima dedicata al tema della libertà creativa e della fantasia e la seconda al pianismo contemporaneo; entrambe ispirate dalle tesi di diploma di I livello di Ismaele Bauccio e Simone Morgillo, allievi del corso di Pianoforte del M.o Anna Maria Bordin presso il Conservatorio di Genova.

La prima parte del concerto è ispirata alla tesi di Ismaele Bauccio “Evoluzione della libertà creativa attraverso la forma della Fantasia”, che ripercorre la storia di questo genere musicale attraverso la Fantasia Cromatica e Fuga BWV 903 di Bach, la Sonata quasi una Fantasia op.27 n.1 di Beethoven, la Fantasia quasi Sonata Aprés une lecture du Dante di Liszt e, infine, una breve Fantasia di Bartók tratta dai Quattro pezzi per pianoforte DD 71. L’aspetto che viene approfondito nella scelta del repertorio analizzato è la libertà, intesa come superamento di rigide architetture formali, di rapporti vincolanti con i testi poetici, libertà ritmica e libertà di modulare a tonalità imprevedibili.
La seconda parte del concerto è tratta dalla tesi di Simone Morgillo sul “pianismo contemporaneo”, inteso come quella complessa eredità storica, organologica, estetica e tecnica che ha fondato il pianismo dal secolo XX in poi. Il programma musicale è quindi incentrato su autori del Novecento e del Novecento storico e comprende brani di Scriabin, Rachmaninoff, Bartòk.

Ismaele Bauccio intraprende lo studio dello strumento a Caltagirone (CT) e nel 2014 si trasferisce a Genova, dove frequenta il corso accademico di I livello nella classe di Anna Maria Bordin. A ottobre 2017 conseguirà il diploma con una tesi sulla fantasia. In parallelo si dedica allo studio del canto lirico come baritono.
Simone Morgillo nasce nel 1995. Inizia a studiare pianoforte con Stefania Colucci presso la Società Filarmonica di Sestri Levante. Nel 2014 consegue il diploma di maturità al liceo scientifico. Prosegue gli studi presso il Conservatorio "Niccolò Paganini" di Genova nella classe di Anna Maria Bordin. Attualmente è diplomando del corso di I livello con una tesi sul pianismo contemporaneo. Si è esibito in concerti a Genova, Torino ed Avigliana.



La Sala Conte, fulcro delle iniziative pubbliche della Conte, è situata in prossimità di fermata bus, stazione ferroviaria e casello autostradale.


Commenti

Nessun commento

Inserisci commento

Per inserire i commenti necessario aver fatto il login.